You are here

Wolfgang Amadeus Mozart : il musicista prodigio

mozart-icona Wolfgang Amadeus Mozart è considerato spesso come il compositore più brillante mai esistito. Il lavoro di Mozart non solo è molto apprezzato ancora adesso, ma fu anche molto ammirato dai musicisti contemporanei a Mozart, come Ludwig van Beethoven.

Mozart nacque a Salisburgo in Austria nel 1756. Si era nel pieno periodo classico e Salisburgo stava diventando rapidamente uno dei maggiori centri artistici dell' Europa.

Mozart nacque nella famiglia di uno dei maggiori insegnanti di musica di Salisburgo: Leopold Mozart. L' influenza di Leopold nello sviluppo musicale del giovane Mozart fu enorme; Leopold incoraggiò molto Wolfgang Amadeus che, a sua volta, era ansioso di migliorare i suoi già stupefacenti talenti musicali.

Infatti, quando il padre Leopold cominciò ad impartire alla sorella di otto anni le prime lezioni di clavicembalo, Wolfgang, che aveva tre anni, dimostrò immediatamente uno spiccato interesse per la musica.

Wolfgang Amadeus Mozart, già da bambino, trascorreva ore intere a strimpellare sulla tastiera. Già a quattro anni di età, Wolfgang Amadeus cominciò a studiare seriamente con la tastiera. Sotto l' insegnamento di Leopold, Mozart iniziò ad avere una incredibile preparazione musicale; riusciva ad imparare un intero minuetto o un trio in mezz' ora.

Mozart aveva una dote misteriosamente perfetta per la musica. Quando Wolfgang Amadeus aveva sei anni, Leopold capì che suo figlio e sua figlia, Maria Anna Mozart detta Nannerl cinque anni più grande di Wolfgang anche lei dotata di un ingegno straordinario, erano pronti per essere presentati al mondo.

La famiglia Mozart partì per Monaco di Baviera e al loro arrivo Wolfgang e la sorella furono presentati ai nobili di Monaco, che rimasero entusiasmati dagli spettacoli dei due piccoli bambini. La permanenza a Monaco di Baviera durò quasi tre settimane e la fama e la popolarità dei Mozart aumentò molto.

Il riuscito viaggio a Monaco di Baviera presentò i Mozart con la chiave giusta in un altro tour a Vienna, la capitale musicale del mondo classico.

Viaggio dopo viaggio, i Mozart arrivarono a Parigi ed a Versailles. A Parigi, quando Wolfgang Amadeus Mozart aveva sette anni, fu pubblicato il suo primo lavoro: vennero stampate quattro sonate per clavicembalo e violino.

A 13 anni, Wolfgang Amadeus Mozart scrisse la sua prima opera, "La finta semplice". Mozart provava un grande piacere dalla sua enorme popolarità che attirava folle di persone ovunque lui si trovasse a lavorare in Europa.

Dal 1769 al 1773 Wolfgang Amadeus Mozart viaggiò con il padre per l' Italia, in varie riprese, soggiornando a Torino, Milano, Verona, Venezia, Bologna, Roma e Napoli. Mozart rimarrà a Milano complessivamente per quasi un anno della sua breve vita.

Mozart incontrò diversi musicisti (J. A. Hasse, Niccolò Piccinni, Sammartini e Johann Christian Bach, figlio di Johan Sebastian Bach), cantanti e scrittori (Giuseppe Parini che scrisse per lui alcuni libri).

Importante fu il soggiorno a Bologna dove Mozart incontrò musicisti e studiosi (il celebre Farinelli, i compositori Vincenzo Manfredini e Josef Mysliveček, lo storico della musica inglese Charles Burney e padre Giovanni Battista Martini da cui Mozart prese lezioni di contrappunto). Mozart sostenne anche l' esame per l' ammissione all' Accademia Filarmonica di Bologna.

A Roma Mozart ricevette l' onoreficienza dello Sperone d' oro da Papa Clemente XIV.

Mozart tornò quindi a Salisburgo dove fu assunto come direttore d' orchestra dall' arcivescovo Colloredo, che però non era convinto del talento di Mozart.

Successivamente Mozart viaggiò da Mannheim a Parigi, dove sopportò il dolore per la perdita della adorata madre; col cuore infranto e disoccupati, i Mozart tornarono a Salisburgo dove Wolfgang fu ancora una volta assunto dall' odiato Arcivescovo; questa occupazione fu comunque breve. Infatti, poco tempo dopo, Mozart viaggiò di nuovo ed a Vienna, nel 1782, sposò Costanza Weber.

Nel 1785, Wolfgang Amadeus Mozart iniziò a lavorare su una delle sue opere più famose, "Le nozze di Figaro".

Dal 1787, Mozart scriveva i suoi lavori con grande frenesia, per mantenere la moglie malaticcia ed i suoi sei figli.

Il duro lavoro di Mozard venne ricompensato, riuscendo ad ottenere un lavoro come Compositore della Corte Imperiale e Reale a Vienna.

Il nuovo lavoro portò presto delle delusioni a Mozart; il salario era insufficiente per pagare il suo stravagante stile di vita ed il pubblico Viennese era stanco di sentire i suoi concerti.

Mozart fu costretto a prendere soldi in prestito, soprattutto per pagare le cure per la salute della moglie, e questo lo portò in depressione. Malgrado tutto Mozart era ottimista pensando che la fortuna sarebbe arrivata e la fortuna arrivò, anche se non per molto tempo. Nel 1791, la sua nuova opera, la prima del "Flauto Magico" riscosse un grande successo.

Wolfgang Amadeus Mozart non visse a lungo per trarre diletto da questo successo; Mozart era già da tempo abbastanza malato, soffriva di debolezza e sveniva frequentemente.

Il 5 dicembre del 1791, Mozart morì, cercando di terminare il suo "Requiem".

La gioia della musica di Mozart rispecchia il piacere per la vita di Mozart ed il suo godimento per questi piaceri. Allo stesso tempo, nei periodi di disperazione, Mozart riempiva la sua musica con la disperazione del suo animo più profondo. In questi passaggi il senso dell' allegria di Mozart per il divertimento è chiaramente evidente.

Wolfgang Amadeus Mozart era anche capace di esprimere delle buie ed eccitanti emozioni. In alcuni suoi temi riecheggia anche la parte malinconica del suo carattere.

Mozart ha avuto poche influenze; il suo genio musicale gli ha permesso di essere quasi completamente originale. Nonostante le costanti lodi che gli sono sempre state prodigate, Mozart non divenne mai una persona arrogante e presuntuosa.

Mozart si è sempre mantenuto aperto a nuove esperienze, specialmente a quelle di natura musicale; ad esempio, dopo aver ascoltato la musica di Bach, Mozart esclamò: "Era ora che potessi imparare qualcosa da qualcuno !".

Nei trenta anni della sua carriera musicale, Mozart ha composto più di 600 lavori, in tutti i moduli musicali più popolari del tempo, incluso concerti per pianoforte, violino e viola, sonate, trii, quartetti, quintetti, sinfonie, ed opere.

Wolfgang Amadeus Mozart ha riflesso nella sua musica il tempo che cambiava aggiungendo sempre qualcosa di nuovo. Se esiste un artista che rappresenta l' ordine e la perfezione della musica classica, che incarna la turbolenza emotiva dell' età Romantica, quell' artista è Mozart; se un artista può essere chiamato il più grande genio musicale che ha mai onorato questa Terra, quell' artista è Mozart, il Dio di Musica.