You are here

Malignità o invidia per il vecchio Windows che vuole rinnovarsi ?

Inviato da giovanninews on Mar, 13/01/2009 - 21:07

windows-icona Oggi, tra i mei tanti peregrinaggi su Internet, mi sono imbattuto in una delle tante pagine di critiche su Microsoft. Su un sito autorevole, non dico quale, viene riportato il crash di Widows 7, il nuovo sistema operativo della Microsoft adesso in versione Beta.

Si racconta, che dopo aver giochicchiato un pò con il nuovo sistema operativo, la macchina va in crash visualizzando il solito vecchio blue screen di Windows, che risulta sempre incrompresibile per l' utente medio.

"Non sarebbe il caso di crashare in un modo un po’ più aggraziato? O almeno in un modo che possa avere un senso per l’utente finale che se lo trova davanti?" ... recita l' articolo !

blue-screenProvando a cambiare pagina ottengo un bel crash di Firefox, il mio web-browser preferito. Ma guarda, non è solo Microsoft che va in crash, Firefox non mi da neanche il blue screen incompresibile da cui però potrei capire qualcosa.

Certamente fare l' avvocato del diavolo non porta molti consensi, ma sicuramente il diavolo in questione in questi ultimi venti e più anni ha lasciato il segno.

Personalmente sono ancora grato alla Microsoft per avermi dato la possibilità di avvicinarmi all' informatica nel modo più semplice; magari senza Microsoft adesso farei il contadino, vivendo la mia vita in un modo più salutare, ma questo è un altro discorso.

Ricordo che nel 1985 facevo il mio primo corso di informatica ed erano appena usciti i famosi M24 della Olivetti, con gli Intel 8086 come microprocessori. A quel tempo il mercato dei Sistemi Operativi era un vero e proprio casino; a parte i mainframe ed i minicomputer che meriterebbero un discorso a parte, il mercato dei personal computer era proprio un caos.

Ogni produttore di P.C. proponeva il suo S.O., la stessa Olivetti prima dell' M24, col l' M20 proponeva il GCOS (mi sembra), la Apple il suo S.O. e così pure gli altri. Microsoft creò l' MS-DOS, adottato subito da IBM come PC-DOS (o IBM-DOS) ed il mercato dei PC si trasformò in PC-IBM ed IBM compatibili (con MS-DOS).

Microsoft aveva fatto la sua prima rivoluzione e cioè quella di creare un mercato di massa per i personal computer dove finalmente i software creati potevano essere condivisi. Ci sono stati poi tanti altri S.O. che hanno provato a superare Microsoft, ad esempio la stessa IBM che ha provato a lanciare l' OS/2 nelle sue varie versioni, o Linux con tutte le sue derivazioni fino all' attuale Ubuntu, o con i S.O. della Macintosh.

Tuttora il mercato è dominato da Microsoft. Il suo sistema operativo non è gratuito, ma viene fornito a corredo sulla maggior parte dei P.C. Personalmente sono fermo ad XP-SP2 in quanto lo ritengo ancora il più stabile ed il più comodo. Non che non abbia provato ad utilizzare altri sistemi, anzi, ne ho provati tanti, comprese alcune versioni di Linux.

Non ho gradito nè l' SP3 nè tantomeno Vista. Non ho ancora provato Windows 7, ma Windows-XP resterà ancora per diverso tempo uno dei migliori S.O. e Microsoft sicuramente è in grado di offrirci ancora delle gradevoli sorprese.

Nonostante tutto ritengo che sia ancora il caso di dire "date a Cesare quel che è di Cesare", anche se sono sempre uno che apprezza molto il software libero.

Exceed - Heaven Seven