You are here

SEOquake - Estensione SEO per browser web

Inviato da giovanninews on Dom, 02/06/2013 - 15:56

SEOquake, il logo dell' estensione SEOquake è una estensione per browser web studiata sia per l' ottimizzazione SEO di un sito web che per il controllo SEO delle pagine web in generale.

E' quindi una estensione del browser che potrebbe essere utile al webmaster al fine di un buon posizionamento del sito, ma anche all' analisi SEO della concorrenza;

è necessario ricordare che i criteri di valutazione applicati da un motore di ricerca al fine di posizionare un sito web nella propria Serp, cambiano continuamente.

Una ottimizzazione lato SEO valida due anni fa, ma anche due mesi fa, potrebbe non essere più valida adesso; è necessario quindi che il programma o il sito di valutazione online al quale ci si affida per una verifica SEO delle pagine del sito, deve almeno essere abbastanza aggiornato ed allineato alle specifiche indicate dai vari motori di ricerca.

SEOquake è una estensione per browser (Firefox, Opera, Chrome e Safari), quindi un programma, ed è frequentemente aggiornato; inoltre SEOquake, ai fini della diagnosi lato SEO della pagina web, indica il link alla pagina da dove è stata presa l' indicazione.

La pagina indicata può essere quella di un motore di ricerca o anche quella di un sito particolarmente considerato in ambito SEO. Peccato che a volte questa indicazione non è sempre veritiera, quindi anche SEOquake ha le sue mancanze.

Cerchiamo ora di capire un pò i vari pregi e difetti di SEOquake.

Installazione e configurazione dell' estensione SEOquake

Configurazione dell' estensione SEOquake Dopo l' installazione è possibile entrare nella configurazione di SEOquake cliccando su Preferences; si aprirà il pannello SEOquake Preferences dove imposteremo le nostre.

Per abilitarlo, dal menù General preferences, vidimare la casella SEOquake is enabled; consiglio di abilitarlo solo quando effettivamente utilizziamo SEOquake per fare ricerche web ai fini di alcune analisi SEO ed in seguito spiegherò il motivo.

Per utilizzare SEOquake con i migliori strumenti che secondo me sono forniti da questa estensione, non è necessario abilitarlo.

Il pannello SEOquake Preferences SEOquake fa una distinzione tra Seotoolbar e Seobar; abilitando la Seotoolbar si abilita un menù esteso nella barra degli strumenti del browser, abilitando la Seobar si abilita lo stesso menù in maniera più compressa e visibile come blocco orizzontale o verticale.

La Seobar è più indicata quando si abilitano tanti servizi; personalmente ritengo che la Seobar sia la più indicata in ogni situazione in quanto più discreta.

La scelta tra Seotoolbar o Seobar si fa da SEOquake Preferences -> menù Toolbar.

I servizi che SEOquake utilizzerà e visualizzerà nella Seotoolbar o nella Seobar, con SEOquake abilitato, devono essere scelti da SEOquake Preferences -> menù Parameters.

La Seobar di SEOquake

I parametri (o servizi) che possiamo abilitare sono veramente tanti e riguardano motori di ricerca, portali di analisi SEO, social network, codici e pagine importanti del sito quali sitemap e robots.

La ricerca con SEOquake abilitato Con SEOquake abilitato, la ricerca sul web visualizza alcuni strumenti nella parte superiore della pagina di ricerca e la Seobar da noi configurata sotto ad ogni URL presentato dalla ricerca.

Se il webmaster sta facendo una analisi sulle ricerche per determinate chiavi, dalla ricerca visualizzata può immediatamente conoscere dati statistici importanti su ogni indirizzo presente nella ricerca, quali PageRank, pagine indicizzate, Alexa Global, considerazione social, data cache Google, Links ed altro.

Se il webmaster sta facendo una analisi del proprio dominio con il comando site:nomedominio, può immediatamente vedere i servizi o parametri impostati nella Seobar di SEOquake per ogni pagina del suo sito web; ha immediatamente sotto l' occhio ad esempio il PageRank di ogni pagina senza dover ricorrere a servizi esterni quali Prchecker indicando una pagina per volta.

ATTENZIONE ! E' quì che interviene il consiglio iniziale sul tenere abilitato SEOquake solo quando si fa questo tipo di analisi, in quanto, ricerche con i motori eseguono ricerche ripetute per ogni indirizzo visualizzato nella pagina di ricerca.

Se ad esempio è stato selezionato tra i parametri della Seobar di SEOquake il PageRank di Google, per ogni indirizzo dei dieci visualizzato nella pagina di ricerca, sarà eguita una query sul PageRank di ogni indirizzo.

Questo porterà ad una attivazione anti-spam del motore di ricerca utilizzato contro l' IP di connessione che stiamo utilizzando; il motore di ricerca, ad ogni nostra nuova ricerca, ci chiederà un codice Captcha.

Se utilizziamo un IP Dinamico, per disabilitare il codice Captcha del motore di ricerca, sarà sufficiente spegnere e riaccendere il modem o router al fine di ottenere un nuovo indirizzo IP di connessione; se utilizziamo un IP Stastico, presumo che saranno cavoli.

Keywords Density e SEOquake Diagnosis - i migliori dell' estensione

Tornando invece agli strumenti migliori secondo me offerti da SEOquake, è possibile utilizzarli anche con SEOquake disabilitato.

Questi strumenti secondo me sono Keywords density e Diagnosis, che funzionano anche con SEOquake disabilitato, cliccando su di essi per analizzare la densità delle parole o fare una diagnosi della pagina che si sta visitando.

Lo strumento Keywords density offerto da SEOquake, seppur presente anche in altri tools consultabili online, sembra funzionare egregiamente.

Mentre la maggior parte degli altri tools funziona generalmente fino ad una long tail di tre parole, senza specificare in quale parte di contenuto vengono rilevate le parole e spesso chiedendo anche un codice di verifica, il Keywords density di SEOquake analizza fino ad una long tail di quattro parole, indica dove sono contenute e non chiede codici di verifica.

Verificando il posizionamento di una pagina web attraverso una long tail di quattro parole riportata da Keywords density di SEOquake, probabilmente troveremo la pagina ben posizionata se le quattro parole sono nel contenuto, ottimamente posizionata se le parole sono nel titolo e/o descrizione e/o keywords.

Naturalmente sarebbe fin troppo semplice se il posizionamento di una pagina web fosse determinata solo da un buon utilizzo delle parole.

E' comunque facile intuire come sia possibile correggere al meglio l' ottimizzazione del contenuto di una pagina web utilizzando al meglio lo strumento Keywords density di SEOquake.

Un altro valido strumento di SEOquake che funziona con SEOquake disabilitato è Diagnosis.

SEOquake Diagnosis, eseguito sulla pagina che si sta analizzando, visualizza una nuova finestra che riporta una analisi visiva di parti o tag della pagina ritenuti determinati sotto il profilo della SEO.

SEOquake Diagnosis esprime un giudizio relativamente a: URL, Titolo, Meta Description, Meta Keywords, Headings, Images, Text/HTML ratio, Frames, Flash, robots.txt, XML Sitemaps, Language, Doctype, Encoding, Google Analytics, Microformats, Dublin Core, Geo Meta Tags, Feeds, Favicon, IP, gzip.

Le icone di SEOquake Diagnosis Per ognuno di questi elementi SEOquake Diagnosis esprime una propria valutazione con una icona che può essere di colore verde, giallo o rosso.

Il motivo della valutazione viene indicato dal pulsante Show adwise che, se cliccato, apre informazioni con link alla pagina web di referenza dalla quale si è attinta l' informazione.

In genere queste pagine di referenza sono o pagine dei vari motori di ricerca o pagine di SEO qualificati che hanno particolare rilievo nel web. Sta a noi andare a verificare l' affidabilità dell' informazione dataci da SEOquake Diagnosis, in base a ciò che leggiamo ed in base alla nostra conoscenza del web.

Ad esempio, in riferimento alla URL analizzata, SEOquake Diagnosis esprime una icona verde se la lunghezza della URL è inferiore a 55 caratteri; il link proposto che dovrebbe giustificare l' icona mostrata, rimanda alla pagina Parametri URL di Google, che, seppure importante per capire come dovrebbe o non dovrebbe essere una URL, non parla assolutamente della lunghezza URL, in genere condizionata in SEOquake dalla lunghezza del nome dominio.

Altro errore di SEOquake Diagnosis è stato rilevato per la Favicon, rilevata da SEOquake solo se questa si trova nella route principale del sito web.

Ho ritenuto abbastanza valide altre indicazioni e molte sono ancora da valutare.

E' opportuno inoltre dire che SEOquake Diagnosis, esprimendo un suo giudizio su alcuni dei valori principalmente indicati, non si basa sulle indicazioni di un solo motore di ricerca; ad esempio SEOquake Diagnosis, pur valutando positivamente la presenza del Geo Meta Tag, con il pulsante Hide advice, linka una pagina web dove si specifica che Google ignora il Geotagging, ma questo è invece ben valutato da Bing.

A questo punto è ora di chiudere questo lungo articolo lasciando a voi la possibilità di scoprire altro sull' estensione SEOquake. Per scaricare l' estensione per Firefox andate al link che segue:

estensione SEOquake per Firefox