You are here

Prestazioni del sito web e velocità di caricamento pagina

Inviato da giovanninews on Sab, 10/11/2012 - 21:14

Il tempo di caricamento della pagina web Le prestazioni di un sito o la velocità di caricamento delle pagine web, ormai si sa, sono diventate fattore di ranking sia per la pagina che per il sito. Per fattore di ranking intendo un migliore o peggiore posizionamento della pagina o del sito stesso nelle serp dei motori di ricerca.

Elevate prestazioni del sito o elevate velocità di caricamento delle pagine, non si traducono automaticamente in buone posizioni nelle serp; sono probabilmente diverse centinaia i fattori che incidono sul posizionamento e le prestazioni del sito o la velocità di caricamento delle pagine, da sole non bastano.

Ho scritto già diversi articoli sul tema affrontando man mano aspetti diversi che possono influire sulle prestazioni.

Voglio invece stavolta fare qualche accenno a quanto Google considera importante le prestazioni di un sito e la velocità di caricamento delle pagine stesse. 

Yahoo! ha iniziato per prima sviluppando Yslow; Google, a sua volta, rilascia PageSpeed. Questi strumenti, integrati ad altri, hanno favorito il proliferare di tools online per l' analisi delle prestazioni di siti web e pagine web.

Google inoltre, integra nel suo GWT (Google Webmaster Tools), tra le Funzioni sperimentali, la voce Prestazioni del sito. I dati, fino ad un pò di tempo fa, erano frequentemente aggiornati.

La voce Prestazioni del sito negli Strumenti per i Webmaster, riportava però solo un grafico con i giorni e la velocità del sito web. Questi dati, seppure molto discordanti con i vari tools online, con Yslow e PageSpeed, erano pur sempre presi molto in considerazione da tanti webmaster; ognuno ne dava la sua interpretazione.

La mia interpretazione era che le prestazioni del sito indicate da Google erano date dalla media del tempo di risposta delle pagine che Google aveva scansionato; era una interpretazione errata, ma portava in ogni caso a rivedere ciascuna pagina del sito e quindi a fare una buona ottimizzazione del sito stesso.

Da un po' di tempo a questa parte, Google non aggiornava più la voce Prestazioni del sito nel GWT o non lo faceva per tutti allo stesso modo; la spiegazione è arrivata una decina di giorni fa, dove, sotto la voce, Google riporta che la funzione non è più supportata e consiglia di utilizzare PageSpeed o Velocità del sito in Google Analytics.

Verificando in Google Analytcs, vediamo che Google ha fatto molto di più di quanto faceva nel GWT; in Velocità del sito di Google Analytics, oltre al grafico, ci viene detto anche come è stata rilevata la velocità, con quali browser e per quali pagine.

Dalle pagine analizzate si capisce che la velocità rilevata è essenzialmente determinata dagli utenti che le hanno visitate e non dalle scansioni di Google.

Si aprono per me quindi nuove ipotesi per determinare le prestazioni di un sito; oltre a quanto fatto finora, non è più sufficiente analizzare le pagine con tools specifici, al fine di migliorarne la struttura, la grafica, i css o i javascript.

Le nuove ipotesi riguardano ad esempio i vari browser utilizzati ed il grado di compatibilità del sito con questi, le prestazioni del servizio di hosting, la localizzazione dell' hosting più adeguata per la maggioranza dei visitatori o  addirittura la velocità di connessione dei diversi visitatori.