You are here

Pathauto, modulo SEO Drupal, alias e tassonomia

Inviato da giovanninews on Mar, 22/02/2011 - 16:42

logo Drupal Pathauto è un modulo Drupal particolarmente vocato al SEO. Pathauto, tra i vari moduli per il SEO con Drupal oltre ad essere tra i più importanti, è sicuramente tra quelli che necessitano una maggiore attenzione.

Una configurazione ottimale del modulo Pathauto contribuirà notevolmente ad una migliore indicizzazione nei motori di ricerca del sito web con Drupal aumentando le visite al sito; una configurazione errata del modulo Pathauto potrebbe arrecare al sito web notevoli danni, tipo pagine non trovate dai motori di ricerca o la generazione di termini incomprensibili per l' utente ed inutili dal punto di vista SEO.

E' appunto per questo che mi sono attardato ad utilizzarlo ed a parlare del modulo Pathauto per Drupal. Se scriverò qualcosa di errato, invito eventuali drupalisti a segnalarlo al fine di correggere l' errore ed aumentare l' efficacia del modulo Pathauto.

Bisogna fare una piccola premessa; Drupal, senza corrette impostazioni e senza moduli aggiuntivi, genera i nodi delle pagine (URL) ad esempio nella forma miosito.com/?q=node/1 che è un url non pulito per i motori di ricerca e molto incomprensibile anche per i visitatori.

Drupal consente di fare subito questo notevole aggiustamento abilitando gli URL semplificati (Clean URLs) da Amministra -> Configurazione del sito -> URL semplificati (Administer -> Site configuration -> Clean URLs). Avremo così una url del tipo miosito.com/node/1 sicuramente più pulita, ma inefficace dal punto di vista SEO ed ancora incomprensibile per il visitatore.

Per superare anche questo problema, Drupal ha integrato, tra i moduli del core e quindi disponibile già dalla prima installazione, il modulo Path.

Attivando il modulo Path, in fase di creazione di una nuova pagina, avremo la possibilità di inserire un alias URL per il nuovo nodo che creeremo; potremo creare ad esempio per questa pagina l' alias URL pathauto-modulo-seo-drupal.

Quindi il percorso di sistema sarà miosito.com/node/1 e l' alias URL sarà miosito.com/pathauto-modulo-seo-drupal. I motori di ricerca indicizzeranno la pagina con l' alias ed i visitatori vedranno l' alias come indirizzo; abbiamo così ottenuto un buon risultato dal punto di vista SEO ed il visitatore saprà di cosa parla la pagina anche dal suo alias URL.

Questo va bene se nel sito web siamo solo noi ad inserire le pagine ed abbiamo una buona conoscenza di SEO, scegliendo le parole giuste per l' alias URL. Ma se abbiamo un multiblog o un sito web dove diverse persone sono abilitate a creare contenuti, non possiamo pretendere che anche loro siano a conoscenza di tecniche SEO.

Inoltre, e cosa particolarmente importante, con il solo modulo Path attivato, i termini della tassonomia (o termini dei vocabolari o tag), generati da Drupal sono sempre indirizzati con il percorso di sistema, ad esempio come /taxonomy/term/...; più semplicemente se la nostra pagina ha, tra le altre, la parola chiave pathauto, Drupal genererà un percorso di sistema ad esempio /taxonomy/term/20 che porterà al contenuto del termine pathauto della tassonomia.

La nostra parola chiave pathauto sarà vista dai motori di ricerca e dai visitatori con la URL miosito.com/taxonomy/term/20, quindi una url per la chiave ancora lontana dalla ottimizzazione SEO per i motori di ricerca ed incomprensibile ai visitatori.

Entra quindi in gioco il modulo Pathauto per Drupal che consentità di generare in automatico alias per gli URL partendo dal titolo della pagina, senza dover più inserire manualmente l' alias con il modulo Path (che deve essere comunque sempre abilitato).

Il modulo Pathauto consentirà inoltre di generare in automatico l' alias URL dei termini della tassonomia; la nostra URL per il termine pathauto non sarà più miosito.com/taxonomy/term/20 ma sarà ad esempio miosito.com/articoli/pathauto, notevolmente più efficace per il SEO e sicuramente più comprensibile ai visitatori.

Il modulo Pathauto per Drupal consentirà inoltre di generare in automatico alias URL per gli utenti ed alias per i feed.

Pagina successiva >>