You are here

Luigi Boccherini, violoncellista prodigio

Boccherini prodigio del violoncello Luigi Boccherini naque a Lucca il 19 febbraio del 1743.

Un contemporaneo di Luigi Boccherini disse una volta: "Se Dio dovesse scegliere un uomo come testimone della musica sceglierebbe Haydn; ma se desiderasse sentire un musicista terreno, selezionerebbe Boccherini".

Boccherini fu un violoncellista italiano e compositore del Diciottesimo Secolo.

Boccherini iniziò a studiare musica con il padre, un suonatore di basso, che lo mandò poi a continuare i suoi studi a Roma nel 1757.

Boccherini ritornò a Lucca nel 1761 per suonare il violoncello nell' orchestra locale, e poi viaggiò per l' Austria e la Francia con il violinista Manfredi.

I due musicisti toscani divennero famosi e l' ambasciatore spagnolo che nel 1768 si trovava a Parigi, notando il talento di Boccherini e Manfredi, offrì loro di suonare a Madrid.

I due musicisti andarono a Madrid dove fecero i compositori alla corte della Altezza Reale don Luigi, l' Infante di Spagna e fratello del re.

Gli anni successivi furono forse i migliori di Boccherini che compose sei sinfonie, circa trenta quartetti ed altrettanti quintetti, dove aggiunse, ai classici quattro archi, un secondo violoncello suonato da lui stesso.

Le sinfonie sono i lavori migliori di Boccherini, e le sinfonie, proprio allora cominceranno ad essere valorizzate.

Nel 1776 seguì l' Infante Luigi a Las Arenas, quì mandato in esilio a causa di uno scandalo di corte. Boccherini fu colpito da una grave sventura: morirono sia la moglie Clementina Pelicho che il suo protettore.

Nel 1787 Boccherini fu nominato Compositore di Corte da Federico G. II di Prussia e svolse questo lavoro fino alla morte del Re nel 1797.

Disoccupato, senza moglie e con cinque figli da nutrire, Boccherini cercò di trovare nuovi lavori a Madrid, scrisse nuovi quartetti, compose la Sinfonia concertante n.30 G-523 e parecchi quintetti per chitarra ed archi; tuttavia, le sue condizioni finanziarie si fecero più precarie.

Nel 1799 Boccherini compose lo Stabat Mater per Luciano Bonaparte, che fu tra i suoi ultimi lavori.

Boccherini passò gli ultimi anni di vita in miseria, colpito da grave malattia, dalla morte di tre figlie e della seconda moglie.

Boccherini morì a Madrid il 28 maggio del 1805.

Luigi Boccherini: Minuetto (classical)

Midi Boccherini

Minuetto