You are here

Impostare la corretta frequenza di aggiornamento

Inviato da giovanninews on Sab, 25/04/2009 - 17:29

Proprieta-schermo Pur non essendo un tecnico, ogni tanto, dando una occhiata a computer degli amici e conoscenti, noto come sia diffuso un uso non ottimale del proprio computer. Spesso ci si vanta di avere un computer super potente, ma a cosa serve avere una Ferrari se viene utilizzata come una Cinquecento ?

Una delle cose più frequenti che noto, è che tanti, pur avendo degli ottimi monitor LCD o CRT, non hanno impostato correttamente la frequenza di refresh, lasciando la frequenza di aggiornamento a 60 Hz, pur potendo arrivare anche a 200 Hz.

Il mio, essendo purtroppo un vecchio CRT, arriva ad una frequenza aggiornamento massima a 85 Hz con una risoluzione 1024 x 768, ma anche solo impostandola in questo modo, la visualizzazione

Proprieta-monitor è notevolmente superiore rispetto al 60 Hz. I caratteri in particolare sono molto più nitidi e la vista si stanca molto meno. Per cui, anche se per alcuni può essere un consiglio stupido, a tanti altri voglio dire di andare a controllare la frequenza di aggiornamento, e se il monitor lo permette,  portarla almeno a 100 Hz.

Per chi non sa come fare, con Windows, cliccare con il tasto destro del mouse su una zona vuota del desktop e nella finestrella che compare, scegliere Proprietà ed apparirà la proprietà dello schermo. Cliccare su Impostazioni e quindi su Avanzate. Cliccare su Monitor e quì, nella finestrella Frequenza di aggiornamento, scegliere una frequenza a almeno 100 Hz, se possibile e confermare con OK.

Ogni volta che in Windows si cambia risoluzione dello schermo, andare anche a ricontrollare la frequenza di aggiornamento, perchè Windows, con il cambio risoluzione, rimette la frequenza di aggiornamento al valore di default, e cioè a 60 Hz.

AGGIORNAMENTO importante del 6 Maggio 2009

Dopo la segnalazione fattami dall' amico Alberindo subito dopo la pubblicazione dell' articolo, dopo alcune verifiche effettuate, è doveroso constatare che le cose dette nell' articolo sono valide per i monitor CRT in Windows, ma non lo sono per i monitor LCD.

I monitor LCD hanno infatti una tecnica per il funzionamento diversa dai monitor CRT. Provando infatti ad aumentare la frequenza di aggiornamento in alcuni monitor LCD in Windows, non ho notato differenze sulla visualizzazione.

Un articolo secondo me ben fatto che parla dell' argomento è inoltre possibile trovarlo a questo indirizzo.