You are here

Google Chrome OS, fine di Microsoft o Ubuntu ?

Inviato da giovanninews on Mar, 17/11/2009 - 16:51

google-chrome-osLa notizia dell' imminente rilascio di Google Chrome OS apparsa il 13 novembre su TechCrunch a questo indirizzo, ha subito fatto il giro del web ed è stata prontamente ripresa dai maggiori siti e blog che si occupano di tecnologia.

La notizia, ritenuta attendibile, ha avuto dunque un notevole risalto, sia per la futura presenza di questo nuovo sistema operativo, Google Chrome OS, e sia per i dubbi ed implicazioni che questo potrà avere.

Le caratteristiche fondamentali di Google Chrome OS, riassunte sul blog ufficiale all' inizio di luglio a questo indirizzo, saranno dunque la leggerezza di Chrome OS, "in grado di avviarsi e collegarsi al Web nel giro di pochi secondi" ed il codice sorgente open source del sistema "presto cominceremo a lavorare con la community open source, abbiamo pensato che fosse giusto rendere nota la nostra visione, in modo che tutti comprendano quali sono i nostri obiettivi".

Inoltre "riprogettando completamente l' architettura di sicurezza alla base del sistema operativo, in modo che gli utenti non debbano preoccuparsi di virus, malware e aggiornamenti di sicurezza"; questo parte dal presupposto che "i sistemi operativi che fanno funzionare i browser sono stati progettati in un' epoca in cui il Web non esisteva".

Mentre, per quanto riguarda l' aspetto tecnico "Google Chrome OS sarà compatibile con processori x86 e ARM" e con "un nuovo sistema a finestre, basato su un kernel Linux". Leggiamo ancora che Google Chrome OS è "destinato inizialmente ai netbook" ma anche "il sistema operativo è pensato per i computer di tutte le dimensioni, dai piccoli netbook ai sistemi desktop".

Fondamentale anche la parte software di Chrome OS "funzioneranno tutte le applicazioni basate sul Web".

Secondo il sito web Tom's hardware, a questo indirizzo, "probabilmente all' inizio ci saranno solo pochi dispositivi completamente compatibili con Chrome OS, tuttavia questo sistema operativo ha già alimentato grandi aspettative.

Chrome OS, infatti, sulla carta sarà il primo sistema operativo "web oriented", pensato cioè in funzione del cloud computing e delle applicazioni web".

Molti sono gli interrogativi che sono stati posti dopo la notizia di TechCrunch sul rilascio di Chrome OS . Ne riassumo qualcuno:

  • Google sfida Microsoft ?
  • E' la fine di Microsoft ?
  • Ma siamo pazzi ? Non possiamo mica affidare i nostri dati ad un server che non si sa dove si trova e cosa può farci !
  • Google con Chrome OS vuole avere tutto il controllo della rete ?

Qualche riflessione la voglio fare anch' io, per quello che la mia opinione può contare. Innanzitutto parto da alcuni presupposti per me fondamentali:

- L' open source è tra le risorse migliori che il mondo informatico ci può offrire, più trasparente, più libero ed anche gratuito.

- Il web è sicuramente una risorsa in continua espansione ed evoluzione, basata soprattutto sulla libera diffusione delle idee; è quindi uno strumento divenuto di fondamentale importanza per la crescita democratica dei popoli.

- Il web, per le sue caratteristiche, ha già delle leggi che devono essere rispettate e mi auguro che queste si sviluppino ulteriormente per il bene comune.

- Il web è anche una risorsa economica per tanti che quì sviluppano i loro business, e questo si può chiamare anche Chrome OS.

Google è una azienda che ha fatto con il web la sua maggiore fonte di ricchezza; è diventato un colosso, alla pari o superiore ad altri, iniziando con un motore di ricerca.

Google basa tutti i suoi affari sull' utilizzo che gli utenti fanno di Internet, per cui, un incremento di uso del web, aumenta i suoi affari. E' normale che gli interessi di Google coincidano, si scontrano, si accordano con quelli di altre aziende.

Poco più di un anno fa Google ha lanciato Google Chrome, il suo browser ed adesso Google Chrome OS, che dal primo eredita il nome.

Ricordo che quando il browser Google Chrome fu lanciato, ho letto da qualche parte che Google ha fatto la scelta di lanciare il suo browser perchè una parte degli introiti incassati con i suoi prodotti rivolti alla pubblicità (AdSense, AdWord ecc..) doveva darli ai browser che avevano permesso l' accesso alla pubblicità (Internet Explorer, Firefox, Opera, Safari ecc..).

Adesso, come riferito in questo articolo, sembra che Chrome, in poco più di un anno, abbia raggiunto il 4% del mercato, dominato da Microsoft e divenuto il terzo browser come numero di utilizzatori; ha quindi incassato (risparmiato) il 4% di quello che prima dava ad altri browser.

Il lancio di Google Chrome OS farà quindi aumentare anche la diffusione del suo browser. Le aziende, che con il software fanno il loro guadagno, dovranno per forza cedere una parte della loro quota, seppure in maniera piccola.

Google Chrome OS è indirizzato all' utente comune, non alle aziende, l' utente che può utilizzare con tutta tranquillità G-Mail o prodotti Office usufruibili in rete.

Microsoft dovrà concedere qualcosina, ma cederanno di più i più piccoli, in termini di browser come Opera e Safari, in termini di sistemi operativi cederà Ubuntu e un pochino Microsoft ma ne uscirà rafforzato Linux sul cui kernel Google Chrome OS è basato; Mac dovrà abbassare il costo delle macchine per mantenere la sua crescita e i produttori di hardware avranno la loro ripresa con la vendita di macchine decurtate del costo del sistema operativo, essendo Google Chrome OS open source.

E noi, utonti normali ? Sicuramente ci guadagneremo. Avremo un altro sistema operativo open source; macchine più economiche sugli scaffali dei supermercati destinate per lo più ai nonni o ai genitori che le acquisteranno per nipoti e figli.

Ma anche un nuovo sistema operativo open source, se Google manterrà la promessa, che in futuro si evolverà e potrà essere ben utilizzato su qualsiasi P.C.

Che cos' è il Cloud Computing ?