You are here

Finta CDN e share Document Root tra dominio e sottodominio

Inviato da giovanninews on Ven, 17/02/2012 - 15:10

Finta CDN realizzata con share della Document Root tra dominio e sootodominio Lo Share del dominio con la Document Root del sottodominio coincidente con il dominio principale, al fine di velocizzare il sito web attraverso una suddivisione di richieste http tra dominio e sottodominio, seppure inizialmente performante, crea nel tempo la duplicazione di tutte le url; si ha quindi il raddoppio dei contenuti duplicati ed il raddoppio delle url indicizzate.

Questo si traduce sia con una notevole penalizzazione da parte dei motori di ricerca che con un notevole degrado delle performance ( i motori di ricerca useranno maggiormente la nostra banda al fine di rilevare i contenuti doppi ).

Scrivo queste cose solo per correggere le cose errate dette in un precedente articolo. Per togliere tutti i duplicati da me creati nella mia installazione Drupal, ho eliminato il sottodominio con Document Root coincidente con il dominio principale e, per evitare migliaia di errori 404 e far sparire naturalmente le pagine doppie indicizzate con il sottodominio, ho ricreato nuovamente il sottodominio con lo stesso nome ma con una Document Root diversa ( e vuota) mettendo subito da server un redirect 301 dal sottodominio al dominio principale.

Man mano che il motore di ricerca passerà sulle pagine del sottodominio precedentemente indicizzate, sarà redirezionato alla pagina effettiva e, trovando un redirect 301, elimininerà l' url del sottodominio indicizzata.

L' operazione sarà molto lunga; al momento, con Google, dopo tre mesi che ho applicato questa modifica, ho ancora 7 url + 92 tra i risultati omessi (solo con link senza snippet), di quelli indicizzati con il sottodominio.

La tecnica della finta CDN potrebbe probabilmente essere utilizzata attraverso un altro server con indirizzo IP diverso.