You are here

Drupal upgrade: perchè passare a Drupal 7

Inviato da giovanninews on Sab, 22/02/2014 - 18:14

Il logo di Drupal Drupal 7 è ormai arrivato alla piena maturazione e tanti utenti sono addirittura in attesa di Drupal 8 che dovrebbe essere rilasciato alla fine del 2014. Con il rilascio di Drupal 8 cesserà probabilmente anche il supporto a Drupal 6 e Drupal 7 sarà supportato ancora per qualche anno.

Drupal 8 promette notevoli miglioramenti e l' upgrade a Drupal 7, oltre che obbligato per l' accesso a D8, conviene.

Drupal 6, escludendo Drupal 7, è stata probabilmente la migliore versione di Drupal, potente e leggera; è questo che ha fermato quel 20% di utenti ancora attivi. Probabilmente le interrogazioni dei drupalisti ancora fermi alla versione 6 possono essere le seguenti e cercherò, nel limite del possibile e delle mie capacità, di dare una risposta.

Perchè usare Drupal 7 se la versione 6 è più leggera ?

In merito alla maggiore pesantezza di Drupal 7 rispetto a Drupal 6, il problema si smonta facilmente indicando i miei dati riferiti ad identici contenuti:

  • con Drupal 6 avevo un database di circa 17Mb e files per circa 66Mb (circa 450 contenuti unici)
  • con Drupal 7 ho un database di circa 17Mb e files per circa 78Mb (stessi contenuti unici)

La piccola differenza di volume nei files è praticamente riconducibile ad una pulizia dei dati che non è stata ancora fatta.

Un appunto può essere fatto per il maggiore uso di css e javascript in Drupal 7 confrontato con Drupal 6. In merito a questo bisogna dire che Drupal 7 usa in maniera diversa css e javascript e l' ottimizzazione di queste risorse è gestita diversamente. Gli sviluppatori di Drupal, in fondo, devono solo preoccuparsi di fornire un codice che funzioni nel modo migliore; spetta agli utilizzatori finali ottimizzare al meglio il codice fornito.

Perchè passare a Drupal 7 se con la versione 6 mi trovo bene e riesco a fare ciò che voglio?

Drupal 6 è scritto in xhtml strict, Drupal 7 usa html5, quindi un codice più moderno ed efficiente; html5 è inoltre il codice che al momento supporta meglio lo sviluppo per siti responsive. Esistono numerosi template per Drupal 7 progettati per essere responsive, molti di meno in Drupal 6. Abbiamo quindi a disposizione una base più ampia da cui partire per progettare il nostro sotto-tema.

Sarebbe un grave errore non considerare gli ultimi sviluppi della tecnologia, partendo dal presupposto che tablet e smartphone hanno un incremento di vendita esponenziale, che alcuni registrano una percentuale di accessi pari al 40% per il mobile, che personalmente registro una percentuale di accesso dal mobile pari al 20%.

Con Drupal 7 si fa quello che si faceva con Drupal 6 e molto di più.

Come sostituisco moduli indispensabili non sviluppati per Drupal 7 ?

Se l' equivalente modulo contributive per Drupal 6 non è stato sviluppato anche per Drupal 7, evidentemente non era necessario, era obsoleto o era deprecato. Alcuni moduli fondamentali sono passati direttamente al core di Drupal 7, citiamo ad esempio il modulo CCK ed Image con i relativi moduli Filefield e Imagefield o anche il modulo Token.

Per modulo obsoleto mi riferisco a Tagadelic; non era più necessario da tanto o almeno da quando Google ed altri motori di ricerca a seguire non danno più alcuna importanza al meta name keywords. La keywords può da noi essere utilizzata per una migliore categorizzazione dei contenuti, ma per questo sono sufficienti Meta tags, Pathauto ed un buon uso della Tassonomia.

Per modulo non necessario e forse anche deprecato mi riferisco a Noindex External Links, in quanto l' attributo rel="nofollow" per i collegamenti esterni nei commenti può essere dato direttamente in Drupal (anche Drupal 6) tramite i filtri html e allo stesso tempo è sconsigliato utilizzare moduli contributive che fanno un eccessivo uso dei filtri; per i formati html avanzati (non filtrati) è consigliato applicare gli attributi direttamente con l' editor wysiwyg.

Perchè dovrei ritrovarmi ancora ad imparare come si usa Drupal ?

Sostanzialmente, ai fini della gestione del sito Drupal, Drupal 7 non cambia proprio niente o cambia poco. Sono solo state spostate alcune voci al fine di rendere più armonica ed intuitiva l' amministrazione del sito. E' stata di molto migliorata e modernizzata l' interfaccia utente inserendo l' apertura a fisarmonica delle varie voci, in particolare per i tipi di contenuto e per il form di invio.

Chi viene da Drupal 6, in pochi minuti si troverà a proprio agio con Drupal 7 trovando rapidamente tutte le voci di configurazione; chi per la prima volta si avvicina a Drupal, con Drupal 7 troverà un sistema più moderno ed accattivante, maggiormente in grado di reggere la concorrenza.

Perchè rischiare di perdere tutto il lavoro fatto per la SEO e l' accessibilità ?

Un upgrade da Drupal 6 a Drupal 7, se fatto con i dovuti criteri ed accorgimenti, porterà ad un sito che per alcuni aspetti SEO (titolo, descrizione, keywords, contenuti, prestazioni, accessibilità) sarà perfettamente indentico al sito precedente; per altri aspetti SEO (codice, responsività) sarà certamente migliore sia per i motori di ricerca che per gli utenti.

Non sono riuscito a passare a Drupal 7 per diversi problemi; come li risolvo ?

L' upgrade di Drupal alla versione successiva a volte può non andare a buon fine. Se il sito è giovane e con pochi contenuti vi è una maggiore probabilità di successo; se il sito è più anziano e più ricco di contenuti, se su di esso sono state fatte diverse implementazioni, le percentuali di successo nell' upgrade diminuiscono.

L' insuccesso dell' upgrade non dipende mai da Drupal ma da errori commessi da noi nell' applicare la corretta procedura di upgrade o da errate implementazioni fatte alla versione Drupal corrente, prima dell' upgrade.

Sul sito ufficiale di Drupal.org è possibile trovare la maggior parte dei problemi relativi all' upgrade ed anche la soluzione di questi.

Nella fase di upgrade è vivamente consigliato di effettuare una copia del sito web prima di procedere, al fine di poter ripristinare il sito in caso di insuccesso.

Personalmente dirò di più: per un sito che non vuol perdere niente di ciò che ha implementato ed al fine di ridurre al minimo il fermo del sito web, consiglio vivamente di fare tutto con una copia di test; in questo modo l' upgrade può durare anche un mese e solo alla fine, quando si è soddisfatti del risultato, si farà lo switch dal sito di test al sito di produzione ed il fermo del sito web sarà ridotto al tempo dello switch.

Parlerò in seguito dei problemi rilevati  e delle soluzioni adottate.

Pagina successiva  >>