You are here

Milij Alekseevic Balakirev

balakirev-icona Milij Alekseevič Balakirev nacque a Niznij Novgorod il 2 gennaio 1837 e morì il 29 maggio del 1910 a San Pietroburgo.

Balakirev è stato un compositore nazionalista russo e viene posizionato nella canzone lirica russa della seconda metà del diciannovesimo secolo.

Balakirev fu uno studente precoce ricevendo i suoi primi insegnamenti musicali dalla madre; Balakirev, all' età di quattro anni, era in grado di riprodurre motivi musicali al pianoforte.

All' età di quattordici anni, con l' aiuto del nobile Aleksandr Oulibishev suo padrino, Balakirev diventa direttore d' orchestra.

Nel 1855, incoraggiato da Mikhail Glimka, Balakirev si trasferisce a San Pietroburgo.

Più tardi Balakirev forma un famoso gruppo di musicisti, noto come il "Gruppo dei cinque", con Aleksander Borodin, Cesar Cui, Modest Mussorgsky e Nikolai Rimsky-Korsakov; Balakirev fu il capo incontrastato del gruppo che però si sciolse appena un anno dopo dalla formazione.

Nonostante questo, il Gruppo dei Cinque pose le basi per la nascita di una delle più importanti scuole musicali dell' 800.

Balakirev fu uno dei fondatori della Scuola della Musica Libera di San Pietroburgo e Maestro di Cappella di Corte (Kapellmeister).

Balakirev scrisse molti lavori basati sui temi del popolo russo e raccolse ed arrangiò molte canzoni popolari russe.

Fra i suoi lavori più famosi vi è Islamey, una fantasia per pianoforte incredibilmente difficile, quattro Ouverture su temi russi ed i poemi sinfonici Russia e Tamara.

Sfortunatamente la vita di Balakirev fu caratterizzata da periodi di depressione, estrema povertà, encefaliti, problemi di stomaco e problemi nervosi.

Balakirev, noto per essere un grande fautore del nazionalismo musicale, dal carattere piuttosto fiero ed indiscreto, si fece molti nemici particolarmente nel cerchio degli accademici tedeschi.

Nel 1867 Balakirev ebbe la grande soddisfazione di essere il successore di Anton Rubinstein come direttore della Società Musicale di Russia e direttore dei concerti della Scuola Libera.

Berezovsky plays Islamey

Midi Balakirev

Islamey