You are here

Accessibilità web e WCAG, il seguito

Inviato da giovanninews on Ven, 29/01/2010 - 22:20

sito-web-accessibile Per gli standard nazionali sull' accessibilità dei siti web ricordiamo Section 508 negli Stati Uniti e la legge n. 4 del 9/01/2004 (Legge Stanca) in Italia, ma questi standard nazionali sono sempre superati da standard internazionali tipo WCAG 2.0.

Aver superato le caratteristiche progettuali di uno standard, probabilmente significa che non sono stati superati automaticamente gli altri, in quanto i requisiti sono spesso differenti.

Allinearsi ai requisiti del WCAG è certamente la soluzione migliore, in quanto l' organismo internazionale che gestisce lo standard, è da tutti riconosciuto e WCAG, nelle diverse versioni, è in continuo aggiornamento, diversamente da leggi nazionali.

Mi sembra che al momento esistono test online per l' accessibilità web e verifica WCAG, ma non ne esiste uno che permette automaticamente di inserire un logo accessibilità WCAG della W3C; W3C da però al webmaster  questa possibilità, purchè dichiari di aderire alle linee guida del WCAG, rispettandone tutti i requisiti in essa contemplati.

Non mi sembra che attualmente ci sia un sito web che rispecchia tutte queste caratteristiche, anche se probabilmente qualcuno ne userà il logo.

Perchè rispettare gli standard di accessibilità

In sostanza  questo discorso, è per dire che rispecchiare gli standard certamente non significa offrire informazioni più democratiche, perchè questa riguarda i contenuti, ma sicuramente significa dare una caratteristica più democratica all' informazione nel web, maggiormente e più facilmente accessibile anche a chi, purtroppo, potrebbe avere deficit personali relativi a vista, udito o altro.

Chi ha questi problemi sicuramente si attrezza a trovare un mezzo a lui più confacente per accedere ad Internet, ma è un dovere mettere l' informazione in rete nel modo migliore e quindi  anche più facilmente accessibile.

A questo punto dovrebbero rientrare anche la responsabilità di chi queste informazioni le rende disponibili, cioè i motori di ricerca. Dovrebbero essere i vari Google, Yahoo, Altavista, Aol, Msn o altri a privilegiare le pagine, durante una ricerca, che rispecchiano determinati requisiti.

standard-accessibilità Per quanto riguarda l' accessibilità ed il WCAG, sono sicuro che Google, al momento, è ben lontana dal rispettarla, in quanto è la stessa Google a fornire elementi per siti web che non rispecchiano i requisiti sull' accessibilità.

Mi riferisco ai tanti gadget offerti da Google, ai javascript AdSense, ai video incorporati Youtube o ai componenti con data scadenza già scaduti (proprio come le scadenze dei prodotti alimentari). Google è al momento tra i motori di ricerca quello più largamente utilizzato (90% ?), tutti gli altri si dividono ciò che resta.

Assisteremo a qualcosa di simile a quello che è successo con i browser ? Chi vincerà la sfida sarà sicuramente  un motore di ricerca che privilegerà l' informazione offerta in maniera più democratica relativamente all' accessibilità, al rispetto degli standard WCAG, oltre che naturalmente con un contenuto che più rispecchia la ricerca.

Vincerà Google, Yahoo o Bing ? O vincerà anche stavolta un open source come è successo con i browser ? Sicuramente lo standard WCAG del W3C sarà anche in questo caso determinante.

Alcune risorse utili per l' accessibilità del sito web

Sempre relativamente all' accessibilità, voglio brevemente inserire qualche link utile a questo scopo.

Un primo link che è relativo ad un sito relativo ai test sui colori, da utilizzare per una accessibilità visiva conforme allo standard WCAG 1.0 sul  contrasto e sul colore ed allo standard WCAG 2.0 sulla luminosità; i test effettuano anche una simulazione visiva.

Un secondo link che è invece un servizio web che effettua un test del sito relativamente agli standard definiti dalla Section 508 per gli Stati Uniti.

Gli altri link effettuano un test sul sito attenendosi, chi più e chi meno, ai requisiti sull' accessibilità definiti con lo standard WCAG e danno preziose informazioni al webmaster per correggere eventuali errori di accessibilità. In alcuni casi offrono una icona da inserire se si è superato il test.

Naturalmente anch' io cerco di migliorare l' accessibilità dei mei siti cercando di seguire lo standard WCAG nel modo migliore possibile, riuscendo ogni tanto a fare qualche passo in avanti.

http://contrast-a.dasplankton.com/
section508.info/ (sito non raggiungibile)
http://www.ocawa.com/it/Test-sito-internet.htm
http://wave.webaim.org
http://www.cynthiasays.com/
contentquality.com/ (sito non raggiungibile)
https://www.totalvalidator.com/