You are here

1- sostituire Internet Explorer 2- flash xhtml valid

Inviato da giovanninews on Ven, 06/03/2009 - 18:14

internet-explorer Pensavo, a torto, che creando pagine seguendo gli standard del W3C, avrei avuto un sito compatibile con tutti i browser in circolazione. Mi sono dovuto ricredere, ma almeno ho aggiunto qualcosa in più alle mie poche conoscenze sulla materia.

Mi sono accorto di questo un paio di giorni fa, accedendo al mio sito da una biblioteca comunale che ha delle postazioni Internet.

I P.C. in dotazione alla biblioteca, come forse in tante altre strutture e amministrazioni pubbliche, naturalmente non sono di ultima generazione ed il browser è ancora il vecchio Internet Explorer 6, anche se già da oltre tre anni è stata rilasciata la versione 7.

Visualizzare il sito con Internet Explorer 6 non è proprio il massimo ed inoltre, tutti i filmati flash inseriti, con il codice xhtml 1.0 strict valido secondo le specifiche W3C, non si vedono.

Avevo inserito il codice dei filmati come descritto in questo precedente articolo. In seguito, a casa, comincio a verificare il problema, dapprima utilizzando il sito di browsershots.

I filmati flash non si vedono con i browser più vecchi ed in casa Microsoft sono visibili solo con Internet Explorer 8, tra l' altro ancora in versione Beta. Non è una bella scoperta, considerando che Internet Explorer al momento è ancora utilizzato dal 70% circa degli utenti Internet e di conseguenza almeno 7 persone su 10 che accedono al mio sito non lo visualizzano come dovrebbero.

Di conseguenza comincio a documentarmi, nel tentativo di risolvere il problema. Sono riuscito a trovare un sito, donatofurlani.it (dominio scaduto), dove è pubblicizzato un ottimo gadget per trasformare il codice flash html in codice xhtml 1.0 strict valido; in pratica serve ad incorporare correttamente (codice valido) nel sito filmati di Youtube,  Google Video ed altri.

Il codice trasformato è notevolmente superiore a quello descritto nell' articolo precedente, sia per compatibilità con i diversi browser, sia per la velocità di caricamento della pagina.

Pubblico volentieri su questa pagina il gadget per la trasformazione di flash html in xhtml, per non disturbare troppo il sito di Donato Furlani.

Decido quindi di adottare questo metodo, anche se, con Internet Explorer 6 su Windows 2000 e versioni precedenti, i filmati non si riescono ancora a visualizzare.

Dalle ricerche effettuate sembra che un anno fa gli utilizzatori di Internet Explorer 6 fossero ancora il 33%, scesi adesso al 20%. Dovrebbe essere quindi inferiore al 20% la percentuale delle persone che accedendo al mio sito lo vedono ancora in maniera insoddisfacente, ma questa percentuale è più accettabile.

Sono inimmaginabili gli sforzi fatti dai programmatori e dagli sviluppatori di siti web per tentare, con ogni artifizio possibile, di rendere più o meno visualizzabile con Internet Explorer le loro pagine web.

Anch' io, a volte, mi ero cimentato con il CSS per evitare alcuni errori di lettura con Internet Explorer. Il codice era pieno di IF ... IF IE ... Traducendo, si doveva dire che se il browser era Internet Explorer bisognava fare in quest' altro modo. Tante volte ci rinunciavo ed eliminavo fisicamente le IF del CSS che riguardavano Internet Explorer.

Già da tanto tempo è stato istituito il W3C, uno standard alle cui specifiche avrebbero dovuto attenersi, in questo caso, le aziende produttrici di software come i browser web. La cara Microsoft, fintanto che aveva il monopolio, non se ne preoccupava; sviluppava il suo browser con le proprie specifiche, infischiandosene degli standard.

Dovevano essere gli altri ad uniformarsi alle sue idee. Lo standard del W3C può essere paragonato alla patente di guida che si deve ottenere per guidare una vettura. Immaginate cosa succederebbe in Italia se i guidatori fossero quasi tutti senza patente; si passerebbe con il rosso, non ci sarebbe un senso di circolazione, si sfreccerebbe a 100 km. orari nei centri abitati ecc ...

Microsoft, per i browser web, è stato fino a poco tempo fa come un guidatore senza patente. Con il continuo affermarsi di browser alternativi a Internet Explorer, Microsoft, cedendo sempre più quote di mercato, ha dovuto iniziare a rispettare gli standard per cercare di mantenere il più possibile quello che ha; lo inizia a fare con Internet Explorer 7 e continua con Explorer 8, tuttora in versione Beta.

Il browser più diffuso, Internet Explorer che detiene circa il 70% del mercato, è il peggiore di tutti e naturalmente si invita ad utilizzarne un altro.

Mi viene in mente un paragone; nel paese in cui vivo, la maggioranza degli abitanti ha installato la parabola per vedere a volte un telegiornale diverso; i canali della RAI senza la parabola si vedono malissimo, al contrario di Mediaset (chi sa perchè !). Si paga il canone ed inoltre si affronta la spesa ulteriore della parabola e del decoder.

Scaricare ed utilizzare un browser diverso da Internet Explorer non costa niente, non significa eliminare Internet Explorer (che rimane e può sempre essere usato), ed inoltre ci può far vedere un telegiornale che non abbiamo mai visto.

Ottimi browser alternativi possono essere Mozilla Firefox, Opera, Google Chrome o Safari per Windows. Mozilla Firefox potete scaricarlo anche da questa pagina.

Commenti

Aggiungo, che la cosa peggiore, e forse poco diffusa e poco capita, è che NON aggiornare il browser è pericoloso. Gli aggiornamenti non servono tanto per migliorare la visione o la navigabilità. La cosa più importante, con uno strumento come il browser, è proteggere i prori dati e la propria macchina. I problemi di sicurezza sono tanto maggiori quanto più vecchia è la versione del browser che si usa; e questo è un discorso generale che non riguarda solo Microsoft Internet Explorer ma tutti i browser incorcolazione, da FireFox a Safari, da Chrome a Opera... :)